Storia

Anno 1925 circa lo zio di mio padre Giulio Cai cominciò a saldare,all’epoca con il cannello ossiacetilenico usando impianti a carburo,prima alla San Giorgio di Pistoia e alla SMI di Campo Tizzoro, successivamente in proprio come artigiano.

Inizio 1940 mio padre Sergio e suo fratello maggiore Walter apprendevano l’arte della saldatura come garzoni di bottega.

Nel 1957 l’anno in cui io nacqui lo zio Cai trasferì la sua bottega in via 4 Novembre divenendo il saldatore della via.

Nel mentre mio padre e mio zio iniziarono l’ attività di radiatoristi in via N.Sauro. Dopo alcuni anni mio padre e suo fratello cominciarono a girare per l’Italia come dipendenti di diverse ditte seguendo la nascita dell’autostrada del Sole e successivamente quella del Brennero e dell’Italsider, riparando e modificando parti delle macchine operatrici , quindi con una saldatrice ad elettrodo e un cannello ossiacetilenico ricostruivano e saldavano cingoli di Caterpillar, pianali di dumper, monoblocchi di ghisa e quant’altro poteva capitare sui cantieri di quel tempo.

Nel 1972 rientrati a Pistoia lo zio Walter iniziò a lavorare presso una ditta dove si realizzavano stampi per la ricostruzione dei pneumatici dove anch’io entrai con la qualifica di apprendista saldatore e così realizzai le mie prime saldature con una macchina ad arco sommerso.

Nel frattempo mio padre rilevò la bottega del vecchio zio Cai innovandola con le saldatrici elettriche ad arco voltaico e fu così che cominciai a collaborare con lui nel 1975.

Il lavoro era duro ma andava bene quindi qualche anno dopo ci trasferimmo sempre nella solita via ma in un locale più grande ampliando anche il parco attrezzature con taglierine, piegatrici, saldatrici a filo continuo e tig per la saldatura dell’alluminio e dell’acciaio inossidabile. Il lavoro procedeva bene la costruzione di carrelli agricoli e attrezzatura per il vivaismo lievitava quindi i miei due fratelli più piccoli Maurizio e Luca ormai in età di lavoro entrarono come apprendisti nell’officina, anche lo zio Walter visto il bisogno venne a lavorare con noi, al momento tra vecchi e giovani eravamo cinque fratelli Capecchi più diversi apprendisti.

Oltre ai carrelli che inventavamo sviluppando le idee sul campo e cioè nei vivai e negli orti realizzavamo anche opere di piccola e media carpenteria in genere quali cancellate, soppalchi, portoni ecc…

Anno 1995 uscii dalla società con l’intento di riprendere l’attività del vecchio zio Cai , di conseguenza mi attrezzai con macchine inverter più moderne ed innovative sia TIG che MIG per riuscire a effettuare saldature su ogni tipo di metallo con un livello di qualità sempre maggiore.

Nel 1998 vista la crescente mole di lavoro mia moglie Graziella, Maestra d’arte dei metalli, entrò come collaboratrice nella ditta coadiuvandomi e portando all’interno della bottega nozioni importanti sul restauro e la rifinitura di oggetti antichi e artistici ; lasciandomi così un pò di tempo da dedicare alla vita associativa di categoria, nel gruppo giovani artigiani e nel consiglio della metalmeccanica.

Questo interessamento mi ha portato ad essere eletto nella Commissione Provinciale Artigiani di Pistoia permettendomi di approfondire la conoscenza della realtà artigiana.

La storia continua con l’inserimento nel 2003 di mio figlio Vento che fino ad ora ha studiato specializzandosi in controlli non distruttivi e saldatura.

Nel 2004 la ditta cambia nome e diventa “il Saldatore” intanto il parco macchine aumenta con l’entrata di una macchina inverter multiprocesso ad arco pulsato, la quarta generazione è arrivata sia di saldatori che di saldatrici.

Anno 2007 – Gli studi di settore e le varie congiunture colpiscono dure e come al solito cercando di trovare soluzioni adeguate questa volta ci siamo ristretti e la quarta generazione fa altro.

Anno 2010-Mio figlio Vento torna a collaborare con suo fratello Sole nella ditta di famiglia apportando nuove idee e forze, ampliando le capacità produttive della ditta.

Anno 2013-Il saldatore diventa anche riparazione cicli con la nascita di un nuovo ramo d’azienda indirizzato al settore MTB per questo in locale attiguo al già presente nasce       “La Galleria” officina di allestimento, riparazione e manutenzione cicli.

Nel frattempo io continuo a saldare ed a insegnare con piacere.

Comments are closed.